Tu sei qui:

Kubin tra fantasia e realtà

La grande mostra primaverile nel Museo Leopold è dedicata al disegnatore e illustratore austriaco Alfred Kubin (1877-1959). Confessioni di un’anima tormentata è una rappresentazione ampia, in un certo senso opulenta, della multiforme opera dell’artista, considerato uno dei maggiori fantasisti del XX secolo. 250 opere esposte, tra cui 160 di Kubin, occupano undici sale del Museo Leopold.

Video teaser Alfred Kubin

Viaggio nell’anima di Kubin

È la prima grande mostra che presenta Kubin in riferimento alle sue fonti d’ispirazione. Il suo lavoro, che si estende nel corso di 60 anni, è fortemente caratterizzato da due elementi. Modelli artistici storici e contemporanei come Francisco de Goya, Max Klinger ed Edvard Much, che pure ritroviamo nella mostra, sono stati una fonte d’ispirazione per Kubin.

Tuttavia anche la sua biografia, scandita da grandi crisi e perdite personali, occupa un posto fisso nella sua produzione artistica. L’obiettivo della mostra è soprattutto quello di mettere in luce la molteplicità dell’artista in maniera differenziata, come sottolinea il curatore della mostra e direttore del Leopold Hans-Peter Wipplinger,

“In Kubin non è possibile separare l’arte e la vita. Confrontarsi con la sua opera significa intraprendere un viaggio attraverso la sua anima. Anche immergendosi in fenomeni della storia culturale e sociale. Poiché lui descrive a noi lo status quo del mondo.”

Spettro tematico in bianco e nero

L'architettura della mostra, con le sue pareti in colori scuri, aiuta visitatori e visitratrici ad immergersi profondamente nel mondo di Kubin e dei suoi colleghi. Chi ricerca i colori in Kubin non li troverà, poiché non era in grado di lavorarci molto. Le sue opere sono quasi esclusivamente in bianco e nero.

La mostra temporanea non ha una struttura cronologica. Di proposito, poiché è suddivisa in undici capitoli o meglio isole tematiche. Sogno e realtà, apocalissi, distruzione bellica, pandemie e catastrofi naturali sono solo alcuni dei temi che incontriamo nell’opera di Kubin - e nella realtà. Poiché proprio ora, il suo lavoro appare più attuale che mai.

Sono esposte molte opere che ci conquistano e ci portano a riflettere profondamente. Tra queste troviamo rappresentazioni grottesche con figure animali e creature meticcie, che ricordano Hieronymus Bosch e Pieter Bruegel il Vecchio. Alfred Kubin ha studiato l’opera di entrambi, così come quella dei precursori della psicologia Sigmund Freud e Carl Gustav Jung. Nel complesso, si tratta di una creazione a più dimensioni. Inquietante? Forse. Decisiva? Sicuramente. 

Alfred Kubin. Bekenntnisse einer gequälten Seele” (“Alfred Kubin. Confessioni di un’anima tormentata”)

16/4-24/7/2022

Museo Leopold

Museumsplatz 1
1070 Vienna
  • Vienna City Card

    • Vantaggi con la Vienna City Card: -16%

      Additional information on the offer: Standard ticket price: 15€ / With Vienna City Card: 12,50€ / Vienna City card holders are entitled to use the fast lane at the Leopold Museum

  • Orari di apertura

    • Lun, 10:00 - 18:00
    • Mer, 10:00 - 18:00
    • Gio, 10:00 - 18:00
    • Ven, 10:00 - 18:00
    • Sab, 10:00 - 18:00
    • Dom, 10:00 - 18:00
    • festivi, 10:00 - 18:00
  • Accessibilità

    • Ingresso principale
      • senza gradini (Porte a vento a doppia anta)
    • Parcheggi Ingresso principale
      • 4 Parcheggi per disabili presenti
        Parkplätze am Areal sind über die Haupteinfahrt / Ecke Volkstheater erreichbar
    • Con ascensore
      • Porta 90 cm largo
    • Ulteriori informazioni
      • WC per disabili accessibili senza barriere architettoniche.
    • Note

      Main entrance, access to all exhibition rooms and restaurant/café: no steps.

      4 parking spaces for visitors with disabilities in the MuseumsQuartier area.

      6 free parking spaces for visitors with special needs on the premises (access: Burggasse / Volkstheater) with proper identification and 4 parking spaces for visitors with special needs in the parking garage (basement level 2 next to elevator, access: main entrance Museumsplatz).

Consiglia l’articolo a un amico

I campi contrassegnati con * sono obbligatori.

I dati e gli indirizzi e-mail indicati non saranno memorizzati o riutilizzati.

Da
A *

Oggetto: Suggerimento da parte di www.vienna.info

Valuta l’articolo
Valuta l’articolo

Feedback alla redazione di vienna.info

I campi contrassegnati con * sono obbligatori.

Appellativo *

Non siete ancora sazi?