Tu sei qui:

Aeroporto di Vienna Schwechat
© Flughafen Wien AG

Arrivo e partenza

Arrivo in Austria: Requisiti

Le persone testate, recuperate e vaccinate da alcuni paesi possono entrare in Austria. Le seguenti disposizioni si applicano a questi tre gruppi:

Persone con tampone negativo

  • Tampone molecolare (ad es. tampone PCR): valido per 72 ore dal campionamento
  • Test antigenico di un centro autorizzato: valido per 48 ore dal campionamento

Per l’accesso ai luoghi pubblici a Vienna (hotel, ristoranti, manifestazioni artistiche e culturali, ecc.) si riducono i tempi di validità: 48 ore per i temponi molecolari e 24 ore per i test antigenici.

Persone guarite

  • Avviso ufficiale di quarantena: valido per 6 mesi
  • Certificato medico di guarigione da infezione da Covid-19 confermata da test molecolare: valido per 6 mesi
  • Documentazione attestante esito positivo di un test su anticorpi neutralizzanti: valido per 3 mesi

Persone vaccinate

  • Dal 15 agosto 2021, il certificato di vaccinazione è valido esclusivamente se si sono ricevute entrambe le dosi di vaccino (unica eccezione per il vaccino monodose Johnson & Johnson).

  • Il certificato di vaccinazione esibito deve essere scritto in caratteri latini, in lingua tedesca o inglese.

  • Il vaccino deve essere autorizzato dall’EMA o approvato dall'OMS per l'uso d’emergenza (Biontech/Pfizer, Moderna, AstraZeneca, Johnson & Johnson, Sinopharm, Sinovac).

Per le persone a cui è stato somministrato uno dei vaccini autorizzati dall’EMA (Biontech/Pfizer, Moderna, AstraZeneca, Johnson & Johnson), valgono le norme seguenti:

  • Il certificato di vaccinazione ha una validità di 360 giorni dalla data della seconda dose.

  • I vaccini per i quali è prevista un’unica dose (ad esempio quelli della Johnson & Johnson) sono validi dal 22° giorno dopo la somministrazione per un totale di 270 giorni dalla data della vaccinazione.

  • Per le persone già guarite che hanno ricevuto una dose, dalla data della vaccinazione questa resta valida per 360  giorni.

  • La terza dose (oppure la seconda dose nel caso dei vaccini in unica dose e delle persone guarite) ha una validità di 360 giorni.

Si prega di notare che anche per molti settori della vita pubblica di Vienna deve essere prodotta la documentazione comprovante l’esecuzione di un tampone, l’avvenuta guarigione o la vaccinazione con un vaccino autorizzato dall’EMA (Biontech/Pfizer, Moderna, AstraZeneca, Johnson & Johnson). Importante: in questo caso i vaccini Sinopharm e Sinovac non sono riconosciuti! Le persone vaccinate con questi vaccini devono presentare un tampone negativo al Coronavirus. Qui potete trovare tutte le informazioni sulla vita pubblica e culturale a Vienna durante l’epidemia di Coronavirus:

Cosa occorre sapere

Disposizioni dettagliate di ingresso in Austria

  • L’ingresso in Austria è consentito a persone vaccinate, guarite e con tampone negativo, senza obbligo di quarantena di 10 giorni, nel caso in cui all’arrivo in Austria dimostrino che entro i dieci giorni precedenti abbiano soggiornato esclusivamente in Austria o in uno dei paesi sotto elencati. Chi non è in grado di fornire tale dimostrazione, deve effettuare una registrazione tramite Pre-Travel-Clearance e fare immediatamente un tampone, al più tardi entro 24 ore.
    Questa normativa vale in generale per i seguenti Stati: Andorra, Arabia Saudita, Australia, Belgio, Bosnia-Erzegovina, Bulgaria, Canada, Cipro., Corea del Sud, Croazia, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Giordania, Grecia, Hong Kong, Irlanda, Islanda, Italia, Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Macao, Malta, Moldavia, Monaco, Norvegia, Nuova Zelanda, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Principato del Liechtenstein, Repubblica Ceca, Romania, San Marino, Singapore, Slovacchia, Slovenia, Spagna, Svezia, Svizzera, Taiwan, Ungheria, Uruguay, Vaticano, Vietnam.
  • Le persone che hanno completato il ciclo vaccinale possono entrare in Austria dai seguenti paesi senza obbligo di quarantena: Botsuana, India, Nepal, Russia, Zambia, Sudafrica e Gran Bretagna.

  • Per chi arriva dai paesi non indicati sopra vale quanto segue: certificazione 3G, obbligo di registrazione e quarantena.

  • È in generale vietato l’ingresso da territori e Stati in cui sono diffuse le varianti del virus. Fra le eccezioni ammesse rientrano i cittadini austriaci, i cittadini dell’Ue e i cittadini dello Spazio economico europeo. Per questi cittadini si applica quanto segue: le persone che negli ultimi dieci giorni hanno soggiornato in uno di questi territori, devono portare con sé un attestato di basso rischio epidemiologico (tampone molecolare negativo), effettuare una registrazione e mettersi immediatamente in quarantena per dieci giorni. La quarantena si intende conclusa, se, trascorsi almeno cinque giorni dall’ingresso in Austria, viene eseguito un tampone, il cui risultato sia negativo.
  • Per ragioni lavorative è consentito entrare, in base all’attuale ordinanza sull’ingresso nel territorio, a coloro che provengono dalle zone e dagli Stati in cui sono diffuse le varianti del virus con disposizioni allentate (nessun obbligo di quarantena) presentando un certificato che dimostra l’interesse prevalente della Repubblica Austriaca. Il certificato deve essere rilasciato da un Ministero federale.
  • Per informazioni sui voli attualmente previsti per l’aeroporto di Vienna consultare il Sito dell’aeroporto. Nell’intera area dell’aeroporto è obbligatorio indossare una maschera FFP2.
  • I viaggiatori provenienti da Cipro devono poter dimostrare all’aeroporto di Vienna di essere immunizzati o presentare il risultato di un tampone PCR negativo. Qualora non sia possibile presentare il risultato del test e nemmeno eseguire il tampone PCR all’aeroporto, è comunque consentito loro l’ingresso. È necessario però che entro 24 ore si ottenga un tampone PCR negativo.
  • Il City Airport Train CAT dall’aeroporto alla stazione Wien Mitte ha sospeso il servizio fino a nuova comunicazione. I treni della ÖBB e gli autobus garantiscono comunque comodi trasferimenti da e per l’aeroporto. ÖBB garantisce la pulizia e disinfezione più volte al giorno degli spazi e degli arredi dei treni. L’uso della mascherina FFP2 è obbligatorio su tutti i treni e nell’area della stazione.
  • Possibilità alternative per i trasferimenti da/verso l’aeroporto e da/verso Vienna
  • In tutti i treni ÖBB Nightjet in direzione Vienna sono a vostra disposizione tamponi faringei gratuiti. I kit per eseguire il test si ricevono dal personale di bordo e vengono consegnati all’arrivo a Vienna presso una delle 620 filiali REWE. Consegnando entro le ore 9 si ha il risultato entro 24 ore. Maggiori informazioni

Viaggiare in Austria

Naturalmente, è anche possibile viaggiare all'interno dell'Austria. Su tutti i mezzi di trasporto pubblici, come ad esempio le Ferrovie federali austriache o gli autobus, è obbligatorio indossare la mascherina FFP2.

Consigli per chi viaggia in auto, treno, autobus e aereo in e per l'Austria

Suggerimenti per la vostra vacanza estiva in Austria

Partenza

Si informi sulle pagine ufficiali della sua destinazione d'origine sui regolamenti d'ingresso in quel paese o sul tipo di test che deve portare per il suo viaggio di ritorno.

Possibilità di test a Vienna per il tuo viaggio di ritorno a casa

Quarantena

  • Dopo essere entrati in Austria da paesi ad alto rischio o ad alta incidenza, si deve fare immediatamente una quarantena di dieci giorni.
  • È possibile anticipare la conclusione della quarantena a partire dal quinto giorno dopo l’arrivo tramite test molecolare o test antigenico negativo (Eccezione: l'ingresso dall'India deve presentare un test PCR negativo). È possibile lasciare il proprio alloggio per il prelievo del campione nonostante la quarantena.
    Tutte le informazioni sulle possibilità di esecuzione dei test a Vienna
  • Per uscire dall’Austria è consentito terminare la quarantena anche prima dei dieci giorni previsti. È comunque opportuno ridurre il più possibile il rischio di infezione in caso di partenza.
  • Per i pazienti positivi al SARS-CoV-2 l’obbligo di quarantena a Vienna è stato prolungato a 14 giorni a causa della variante più aggressiva di Coronavirus B.1.1.7. È possibile interrompere anticipatamente la quarantena qualora un test successivo mostri una carica bassa. In questo caso è possibile in via eccezionale concludere la quarantena anticipatamente al decimo giorno.
Valuta l’articolo
Valuta l’articolo

Feedback alla redazione di vienna.info

I campi contrassegnati con * sono obbligatori.

Appellativo *

Consiglia l’articolo a un amico

I campi contrassegnati con * sono obbligatori.

I dati e gli indirizzi e-mail indicati non saranno memorizzati o riutilizzati.

Da
A *

Oggetto: Suggerimento da parte di www.vienna.info