Un castoro sulla riva

Architetti e animaletti

Finalmente qualcosa si muove nel braccio laterale del Danubio, solitamente molto tranquillo. Siamo a pochi passi dal ponte sul quale transita la linea U2 del metrò. Qualche secondo dopo il curioso architetto esce con la testa dall’acqua e controlla l’ambiente circostante per vedere se la compagna e il piccolo possono seguirlo senza pericolo. Accompagnato da tutta la famiglia il castoro si lancia nelle sue avventure notturne.

A Vienna vivono circa 250 castori europei. “Vivono nelle loro “case”, che spesso all’occhio inesperto sembrano essere soltanto dei semplici mucchi di rami e di foglie”, spiega Georg Popp, un navigato fotografo naturalista che, insieme alla moglie Verena ha avviato il progetto “Wiener Wildnis”. Con le loro foto e filmati desiderano sottolineare l’importanza della flora e della fauna urbana. In occasione di un safari fotografico in città che ci permette di spiare insieme a loro gli animali, abbiamo avuto l’occasione di vedere con quanta passione affrontino il tema.

Dall’acqua nell’aria

I castori non sono gli unici animali che vivono nell’acqua o nelle sue vicinanze. Il mondo subacqueo di Vienna ospita anche diversi altri animali che non avremmo mai immaginato di vedere qui: non solo pesci, ma anche tartarughe dal ventre giallo e granchi ad esempio. “Sì, gli animali in acqua sono interessanti, e inoltre le fotografie fatte dall’acqua offrono una suggestiva prospettiva della città”, racconta entusiasta il fotografo mentre osserviamo una colonia di aironi cenerini nei pressi del parco acquatico di Floridsdorf. “Gli aironi cenerini nidificano anche in zone urbane. È abbastanza semplice scattare delle belle foto mentre fanno il nido, si contendono il territorio o allevano i piccoli”, spiega Georg Popp.

Citelli alla prese con il dente di leone

Per riuscire a puntare l’obiettivo su uno degli 8.500 citelli che vivono a Vienna bisogna essere più creativi. Georg Popp sa come fare: “I citelli non amano le piante alte. Basta mettere un dente di leone o un filo d’erba davanti alla loro tana e dopo un po’ se ne escono per togliere la fastidiosa erbaccia”. I graziosi roditori si sentono particolarmente a loro agio nei giardini fioriti di Hirschstetten. E non sono solo i fotografi a emozionarsi quando improvvisamente un gruppetto di citelli sfreccia fra panchine e visitatori.

Ugualmente adorabili sono i conigli selvatici. Una colonia abbastanza numerosa si è insediata lungo il Danubio nel tratto Handelskai, fra i binari della trafficatissima via ferroviaria. Per osservarli ci vuole però un po’ di pazienza, i coniglietti sono proverbialmente paurosi.

Gli abitanti del Cimitero Centrale

Anche i caprioli non amano la folla. Ugualmente ne vivono tanti al limite di Vienna, in uno dei cimiteri più estesi d’Europa, fedeli al motto di “Viva il cimitero centrale”, come recita il titolo di una canzone della leggenda dell’austropop Wolfgang Ambros. Nella sezione ebraica del Cimitero centrale, con le sue lapidi a punta ricoperte di edera l’atmosfera è particolarmente romantica. Se poi si riesce persino a guardare negli occhioni di un capriolo che spunta improvvisamente tra una tomba e l’altra, la spedizione fotografica è perfetta, anche se ancora una volta non si è riusciti a cogliere l’attimo.

Merita veramente la pena di fare un safari nella giungla urbana di Vienna. Bastano occhi e orecchie aperte, e un po’ di pazienza, e il premio saranno bellissimi scatti con castori, citelli & Co.

Testo: Angelika Öttl

Un consiglio

Il sito www.wienerwildnis.at propone numerose suggestive fotografie di animali selvatici.

Teilen, bewerten und Feedback
Valuta l’articolo
Consiglia l’articolo a un amico

I campi contrassegnati con * sono obbligatori.
I dati e gli indirizzi e-mail indicati non saranno memorizzati o riutilizzati.

Da
a
Feedback alla redazione di vienna.info

I campi contrassegnati con * sono obbligatori.

Appellativo *
Appellativo