L’artista Nychos davanti a un suo maxi dipinto su una parete di casa

Arte fuori dai musei

È raro poter ammirare un’opera d’arte grande 400 m². E poi fino a poco fa i graffiti e le opere di street art di artisti anonimi non erano considerate tali. Si preferiva chiamare gli imbianchini per far tornare quelli che erano stati oggetto dell’intervento artistico allo stato di anonimi muri. Oggi gli autori delle pitture murali nello spazio pubblico sono delle star e ricevono inviti da tutto il mondo per dare vita a spazi degradati. Poichè “il valore della street art sta proprio nel recupero di un’area, nell’abbellimento della città, nella capacità di rendere visibili le disuguaglianze e i problemi sociali”. Ad affermarlo è una persona che se ne intende: Katrin-Sophie Dworczak è organizzatrice e curatrice del festival Cash, Cans & Candy, nonché direttrice della galleria d’arte Hilger NEXT nell’area trendy Brotfabrik. È stata lei ad invitare a Vienna divi internazionali come Bumblebee (SU), Faile (SU), Faith47 (Sudafrica) e Stinkfish (Colombia), che dalla prima edizione del festival nel 2013 hanno lasciato nella città tracce ben visibili.

Il fatto che a Vienna in questo campo sia cambiato molto lo nota anche Nychos, uno dei grandi esponenti austriaci della street art. “L’interesse per la urban art sta appena iniziando a crescere” afferma nel corso di un’intervista. Questa crescita a Vienna è più lenta rispetto ad altre città, perché “la città ha molto da offrire a livello visivo e dal punto di vista architettonico; è per questo che l’esigenza di arte pubblica non è forte come in altre metropoli”, spiega Nychos. Ma “la gente si sta aprendo ed è felice di notare un vento nuovo”. E aggiunge: “Era ora”.

Orso bianco e piccioni

Una delle sue opere più note a Vienna è “Dissection Of A Polar Bear” in Knöllgasse, nel decimo distretto. Ci ha messo solo quattro giorni per realizzare quest’opera d’arte di 400 m². Con la sua agenzia di full service “Rabbit Eye Movement” (galleria, caffè, shop e centro creativo in Gumpendorfer Strasse) gestisce uno dei pochi hot spot della street art di Vienna. L’obiettivo di Nychos, che ha già lavorato in 15 città diverse e ha già realizzato mostre personali a New York, San Francisco, Singapore e Torino, è soprattutto quello di “creare awareness e networking”.

E l’intento sembra essere riuscito. Infatti i tempi in cui figure mascherate e armate di bombolette spray attraversavano a notte fonda buie stradine alla ricerca di muri da “abbellire” sono finiti da un bel po’.

Nel 2004 è stata avviata dal Comune l’iniziativa “Wiener Wand”, muro di Vienna. In 15 diversi posti, per una superficie totale di 5.000 m² è legale dar fondo alla bomboletta. Molti di questi muri si trovano lungo il Canale del Danubio e sono contrassegnati da un piccione. Gli argini del fiume che lambisce il centro di Vienna sono un hot spot per la street art e l’arte dei graffiti. Qui la subcultura e la street art si mescolano a bar e ristoranti trendy.

Altre opere d’arte veramente interessanti si trovano vicino alla Brotfabrik (decimo distretto), al Theresianum (quarto distretto), lungo il mercato Naschmarkt (sesto distretto) e nei pressi della stazione ferroviaria ovest, dove gli artisti Cyrcle & Gaia e Cone The Weird hanno abbellito sia l’esterno che gli esterni del garage sotterraneo. Il Graffiti-Museum propone visite guidate ai punti caldi della street art viennese. Anche la piattaforma artistica INOPERAbLE con i suoi murales contribuisce a rendere più colorata la città.

Un interrogativo però rimane: a chi appartengono queste opere d’arte? Nychos: “A nessuno e allo stesso tempo a tutti. È per questo che le facciamo nello spazio pubblico. Perché queste opere siano accessibili a tutti”. 

Testo: Robert Seydel

Videos

Brotfabrik (fabbrica del pane)

Absberggasse 27, 1100 Wien
  • Accessibilità

    • Ingresso principale
      • senza gradini
    • Con ascensore
      • 110 cm largo e 210 cm profondo , Porta 90 cm largo
    • Ulteriori informazioni
      • Ammessi i cani guida per non vedenti
      • WC per disabili accessibili senza barriere architettoniche.
    • Note

      Designated parking spaces for people with disabilities only on request at the individual institutions.

Galerie Hilger NEXT Wien 10 Stair III, 2nd floor

Absberggasse 27, 1100 Wien

Parco del castello Theresianum

Favoritenstraße 15, 1040 Wien

Naschmarkt

Wienzeile, 1060 Wien

Westbahnhof

Europaplatz 2, 1150 Wien
  • Accessibilità

    • Ingresso principale
      • senza gradini
    • Con ascensore
    • Ulteriori informazioni
      • WC per disabili accessibili senza barriere architettoniche.
    • Offerte speciali per persone disabili

      Prenotazione assistenza in stazione per persone che si muovono su sedia a rotelle: tel. +43-5-1717-5, e-mail: mobilitaetsservice@pv.oebb.at. Posti auto contrassegnati per le operazioni di salita e discesa dei disabili su sedia a rotelle all'ingresso di Europaplatz. Sistema di guida per non vedenti presente in tutta la stazione.

    • Note

      Le banchine sono accessibili senza barriere architettoniche.

Teilen, bewerten und Feedback
Valuta l’articolo
Consiglia l’articolo a un amico

I campi contrassegnati con * sono obbligatori.
I dati e gli indirizzi e-mail indicati non saranno memorizzati o riutilizzati.

Da
a
Feedback alla redazione di vienna.info

I campi contrassegnati con * sono obbligatori.

Appellativo *
Appellativo