I contenuti di questa pagina sono stati archiviati e potrebbero non essere più attuali.

Thomas Quasthoff, Jazz Fest Wien 2018
© Gregor Hohenberg / Sony Music Entertainment

Vienna Jazz Festival

Il Vienna Jazz Festival è un appuntamento fisso nella ridda di festival annuali e non limita più il suo raggio d’azione alla musica jazz da cui prende il nome. Il programma propone svariati generi musicali, con concerti di musica soul, funk, pop, elettronica o etnica che si tengono nelle location più prestigiose della città.

La serie di concerti estivi si aprirà il 15 giugno nella Wiener Stadthalle con il concerto di Kris Kristofferson che con le sue 81 primavere è ormai entrato nella leggenda. Le sue hit Me And Bobbie McGee e Help Me Make It Through the Night hanno venduto milioni di dischi e sono state coverizzate dozzine di volte. Il cantautore, interprete e attore ha già conquistato tre Grammys e un Golden Globe.

Concerti eccezionali all’Opera di Stato

All’inizio di luglio l’Opera di Stato di Vienna riserva eventi musicali di sicuro richiamo. Si comincia con la vincitrice degli MTV-Europe Music Award Caro Emerald. La cantante jazz e pop olandese (A Night Like This) presenta il suo nuovo album (1/7).

Il giorno dopo, ad onorare il palco dell’Opera di Stato sarà il gigante del jazz austriaco Norbert Schneider con la sua grande formazione e illustri ospiti.

Il prossimo personaggio non ha bisogno di presentazioni tra gli aficionados del jazz e gli appassionati di musica classica: Thomas Quasthoff, conosciuto da molti anche come divo dell’opera e interprete di canzoni. Si porterà dietro solo il suo primo album da solista dal 2010: "Nice’n’Easy", con i suoi preferiti del Great American Songbook. All’Opera di Stato Quasthoff non si esibirà solo, ma sarà accompagnato dal bassista Dieter Ilg, dal percussionista Wolfgang Haffner, dal geniale pianista Frank Chastenier e dalla Big Band dell’Orchester der Vereinigten Bühnen Wien (3/7).

Il 4 luglio l’Opera di Stato propone un doppio concerto: alla cantautrice-interprete statunitense Melody Gardot seguirà il crooner austriaco Louie Austen.

Un’altra serata con diversi artisti: il bassista di Friburgo Dieter Ilg e il trombettista berlinese Till Brönner nella loro rara formazione in duo promettono uno spettacolo all’insegna della melodia e del virtuosismo senza compromessi. Prima però si potrà ascoltare la giovane cantante jazz Jazzmeia Horn (5/7).

Il 7 luglio la 39enne britannica Corinne Bailey Rae, regina del soul, sarà protagonista di un recital alla Haus am Ring. 

Nella cantina jazz

Il Porgy & Bess è un locale jazz viennese della prima ora ed è un’altra delle location che ospitano i concerti del Vienna Jazz Festival: si inizia il 1° luglio con il 23enne britannico Rhys Lewis, star di YouTube, il giorno dopo invece si potrà ascoltare Jonah Nilsson nelle vesti di solista. Il 3 luglio l’etichetta jazz viennese Handsemmel Records nel programma "The Mighty Roll" presenta le sue band. Infine, il 4 luglio si esibirà il giovane duo Binker and Moses - il sassofonista Binker Golding e il batterista Moses Boyd sono protagonisti della generazione jazz londinese attuale.

Il programma complessivo del Vienna Jazz Festival comprende molti altri concerti ed esibizioni, dalle leggende del jazz alle star emergenti. Il 30 giugno è previsto anche un evento open air. L’estate dei festival può cominciare.

Vienna Jazz Festival 2018

15/6-10/7/2018
diverse sedi
www.jazzfest.wien
Biglietti: www.wien-ticket.at

Melody Gardot, Jazz Fest Wien 2018

Melody Gardot

© Melody Gardot MGMT
Till Brönner, Dieter Ilg, Jazz Fest Wien 2018

Till Brönner, Dieter Ilg

© Chris Noltekuhlmann
Teilen, bewerten und Feedback
Valuta l’articolo
Consiglia l’articolo a un amico

I campi contrassegnati con * sono obbligatori.
I dati e gli indirizzi e-mail indicati non saranno memorizzati o riutilizzati.

Da
a
Feedback alla redazione di vienna.info

I campi contrassegnati con * sono obbligatori.

Appellativo *