Il duo “Wiener Blond” davanti a un ensemble di archi nel parco
© Theresa Pewal

Canzoni viennesi

La canzone viennese è un vero fenomeno. Quale altra città può vantare un genere musicale che porta il suo nome? Nacque intorno al 1800 ed è ancora vivissima nelle sue diverse correnti. I testi delle tradizionali canzoni, che si suonano ad esempio agli Heuriger, sono imperniati sui temi tipici di Vienna: l’amore, la morte, il vino o la città stessa.

Giovani band viennesi l’hanno reinventata in chiave moderna e mescolata ad altri generi come il jazz, il blues e il pop. Artisti tra cui André Heller e Roland Neuwirth sono stati i pionieri, ora è il turno dell’autore e musicista Ernst Molden ad esempio, o anche di gruppi viennesi tra cui 5/8erl in Ehr’n. Tra gli strumentisti di grande talento vanno annoverati il fisarmonicista Otto Lechner o il virtuoso della fisarmonica a bottone Walther Soyka, che, in coppia con Karl Stirner alla cetra combina giocosamente musica folk viennese all’improvvisazione.

Ognuno con il suo stile, numerosi e creativi interpreti portano la canzone viennese in territori mai esplorati prima.

Un allegro potpourri

I sei membri della band Buntspecht con le loro canzoni, che mescolano il gypsy swing a bossa nova, canzoni viennesi e folk puntano dritto al cuore e alle orecchie del pubblico. Il cantante e chitarrista Lukas Klein dice del gruppo: “La nostra musica è poliedrica. Rimescoliamo tutto, i generi e i testi impressionistici. E questo è forse anche l’elemento viennese della nostra musica, Vienna infatti è sempre stata una città multiculturale e sfaccettata. Amiamo tutto ciò che è organico, che sa di terra, e soprattutto adoriamo suonare assieme. Credo che sia questo il motivo per cui funzioniamo così bene insieme. Siamo molto legati e il pubblico avverte quest’energia vera e vitale”.

Le canzoni di Voodoo Jürgens invece si contraddistinguono per i loro testi in dialetto viennese all’insegna del black humour. I pezzi del giovane musicista di formazione classica Felix Kramer sono intrisi di emozioni viennesi che ti entrano sottopelle. Il duetto Wiener Blond arricchisce la canzone viennese di beat­boxing, loops e pop. E gli “Strizzirocker”, i furfantelli del rock, Wanda e la luccicante pop band Bilderbuch già da tempo riempiono le sale da concerto in Austria e all’estero.

Dal vivo

Per conoscere il mondo musicale di Vienna si consiglia di ascoltare la musica dal vivo. Nulla di più semplice vista la quantità di festival: wean hean (= sentire Vienna) e il Festival della Firsarmonica si svolgono in primavera, Wien im Rosenstolz in ottobre e il suo ramo Land­partie in maggio. Il Festival dell’Isola del Danubio propone alla fine di giugno un programma di 600 ore e il Popfest in luglio presenta uno spaccato del mondo musicale viennese.

Nei club e nei locali musicali di Vienna si ha l’opportunità di conoscere questi musicisti da vicino. Al Theater am Spittelberg Ernst Molden, Nino aus Wien, Voodoo Jürgens e Wiener Blond hanno regalato al loro pubblico già tanti momenti speciali. Con le loro canzoni viennesi, in cui si riflette l’anima della città.

Testo: Susanna Burger

Teilen, bewerten und Feedback
Valuta l’articolo
Feedback alla redazione di vienna.info

I campi contrassegnati con * sono obbligatori.

Appellativo *