Gerald Wirth con il pupazzo Toni dei Piccoli Cantori di Vienna
© Wiener Sängerknaben - Lukas Beck

“I concerti online sono un’opzione"

Gerald Wirth è direttore artistico dei Piccoli Cantori di Vienna dal 2001. Nell’attuale situazione, con il suo pupazzo "Toni" assicura il buon umore a scuola e mette lezioni di canto disponibili in rete.

Abbiamo parlato con lui dei suoi metodi non convenzionali, dei Cantori e i loro fan del “canto che entusiasma” e sui suoi progetti per la riapertura della scuola.

Signor Wirth, quali sono oggi le sfide più grandi?

Mantenere la calma. Questo ci riesce molto bene. L’insegnamento a distanza è complicato, ma offre spunti di apprendimento, e di crescita, almeno lo speriamo. Una grande difficoltà è rappresentata per noi dall’aspetto finanziario: non avere entrate per un’associazione senza scopo di lucro come la nostra è un problema.

Cosa Le manca in particolare della quotidianità scolastica? Forse proprio i Suoi impegnativi alunni?

Amiamo i nostri alunni impegnativi, e li abbiamo ancora, anche se via internet. Quello che manca è il contatto diretto personale, l’energia che c’è nella scuola. Il mangiare insieme, le risate, i rumori gioiosi dei bambini. Le prove e i concerti, lo scambio con il pubblico. Questo manca a tutti noi.

Gerald Wirth, direttore artistico dei Piccoli Cantori di Vienna e il pupazzo “Toni” cantano insieme una serenata.

Qualche settimana fa ha stupito il pubblico, sul canale YouTube dei Piccoli Cantori di Vienna, con un nuovo format in cui, insieme al Suo pupazzo, fa da animatore e invita al canto. Ci racconti qualcosa di più.

Toni, questo è il nome del pupazzo, è molto ben accettato. Ha già un piccolo gruppo di fan. I video sono corredati da note e informazioni sulle canzoni (prossimamente anche in inglese). E abbiamo in programma anche canzoni di altri Paesi e culture: Toni canta in giapponese e hindi. C’è da incuriosirsi. I video sono rivolti non solo ai nostri alunni, ma a tutti i bambini e adulti che si divertono a cantare. 

In che modo i Piccoli Cantori di Vienna mantengono il contatto con i propri fan, non esibendosi in concerto? 

Hanno apprezzato i nostri video con Toni: sono infatti pensati anche per i fan. I concerti online sono un’opzione a lungo termine, sulla quale stiamo riflettendo.

I bambini sono desiderosi di tornare alla quotidianità della scuola? Con cosa ricomincerà, alla riapertura della scuola?

Direi proprio di sì. Inizieremo con una festa, naturalmente con tanta musica. E ci saranno tutti, alunni, insegnanti e collaboratori. Canteremo fino a far tremare i muri.

Quale canzone canta o ascolta in questi tempi, per farsi coraggio?

Ultimamente sto ascoltando "Verzage nicht, o Häuflein klein" di Johann Sebastian Bach. Nasce da una cantata e finisce con una frase molto consolatoria: “Non durerà a lungo”. Ovviamente canto insieme a Toni, abbiamo scelto canzoni che ci mettono di buon umore. "Singa is insre Freud", ad esempio. Nei prossimi video ci sarà anche una “canzone yoga”, non vedo l’ora di farla.

Piccoli Cantori di Vienna (Wiener Sängerknaben)

Am Augartenspitz 1, 1020 Wien
aggiungi al mio programma di viaggio

 

Teilen, bewerten und Feedback
Valuta l’articolo
Consiglia l’articolo a un amico

I campi contrassegnati con * sono obbligatori.
I dati e gli indirizzi e-mail indicati non saranno memorizzati o riutilizzati.

Da
a
Feedback alla redazione di vienna.info

I campi contrassegnati con * sono obbligatori.

Appellativo *