Facciata di vetro

Architettura moderna

Negli anni '60 progetti visionari di architetti e artisti, definiti "Austrian Phenomenon", hanno dato vita a un nuovo fervore. Tuttavia la maggior parte delle idee rivoluzionare di Hans Hollein o della Coop Himmelb(l)au sono rimaste solo progetti e installazioni. Il movimento si limitò a negozi o locali come, ad esempio, il negozio di candele "Retti" progettato da Hollein nel Kohlmarkt. Hollein, ispirato dallo sbarco sulla luna, realizzò in appena 14 metri quadrati la sua visione di una capsula spaziale.

Negli anni '80 vennero eretti soprattutto nuove comunità e complessi residenziali, spesso in stile postmoderno. A metà degli anni '80 a Vienna scoppiò un enorme scandalo architettonico: il progetto di Hans Hollein per la costruzione di un moderno edificio in vetro davanti al venerabile Duomo di S. Stefano creò un notevole scompiglio. Tuttavia, la Haas-Haus venne costruita (e inaugurata nel 1990) e l'architettura contemporanea di Vienna ottenne una maggiore attenzione. A questo ha contribuito anche un attico di Coop Himmelb(l)au costruito nel 1988 nel primo distretto (in Falkestrasse) che è divenuto famoso anche al di fuori dei confini austriaci.

Altro scompiglio fu causato da Friedensreich Hundertwasser, che negli anni '80 creò a Vienna i suoi edifici più famosi: la Hundertwasserhaus (casa di Hundertwasser), il più curioso complesso di case popolari di Vienna, e la Kunst Haus Wien così come l'inceneritore di Spittelau. In tutte le sue opere Hundertwasser ha rivendicato una creativa libertà architettonica e l'armonia con la natura. Derisi dagli altri architetti, i suoi progetti pieni di colore hanno incontrato un grande favore da parte dei viennesi e dei turisti.

La costruzione di nuovi appartamenti sta infine vivendo un nuovo boom dagli anni '90. Numerosi architetti hanno realizzato idee innovative: l'ex fabbrica di bare Sargfabrik, la Wienerberg-City con le Vienna Twin Towers di Massimiliano Fuksas, l'area di sviluppo edilizio Nordbahnhof, la ex fabbrica di cavi, l'edificio residenziale di Zaha Hadid presso le arcate della metropolitana a Spittelau e il gasometro su progetti di Jean Nouvel, Coop Himmelb(l)au, Manfred Wehdorn e Wilhelm Holzbauer hanno contribuito a un furore internazionale.

Infine, il MuseumQuartier all'inizio degli anni 2000 è diventato uno dei maggiori progetti architettonici del secolo. E la Donau-City è stata il più grande progetto di sviluppo urbano di Vienna dal 1996. Il profilo dall'altra parte del Danubio è in constante crescita. Negli anni scorsi vi sono state edificate numerosi torri alte più di 100 metri. Alla fine del 2013 qui è stato eretto il più alto edificio austriaco (220 metri): la DC Tower 1 del famoso architetto Dominique Perrault. Nel maggio 2014 il grattacielo ha ottenuto il secondo posto nel rinomato premio per l’architettura "Emporis Skycraper Award". La piattaforma panoramica a 207 metri di altezza è aperta tutti i giorni dalle 10 alle 17.30.

Architetture di grande rilievo nella capitale austriaca sono inoltre l’attracco del Twin City Liner sul Canale del Danubio (di Fasch & Fuchs) e l’hotel di lusso progettato da Jean Nouvel un po’ più avanti sul lato opposto. Il campus universitario della facoltà di economia, inaugurato nel 2013 con edifici progettati da architetti come Zaha Hadid, BUSarchitektur e Sir Peter Cook, è il nuovo centro della vita studentesca nei pressi del Prater. Nella Seestadt Aspern, alla periferia di Vienna, sta sorgendo un’area residenziale e lavorativa per 40.000 persone su una superficie di 2,4 milioni di metri quadri. Anche la nuova stazione centrale costruita nell’area dove una volta sorgeva la Südbahnhof, la stazione sud di Vienna, con l’annesso quartiere Sonnwendviertel rivelano un’architettura particolarmente stimolante.

Ulteriori collegamenti:

Teilen, bewerten und Feedback
Valuta l’articolo
Consiglia l’articolo a un amico

I campi contrassegnati con * sono obbligatori.
I dati e gli indirizzi e-mail indicati non saranno memorizzati o riutilizzati.

Da
a
Feedback alla redazione di vienna.info

I campi contrassegnati con * sono obbligatori.

Appellativo *
Appellativo