Quadro di Andy Warhol dal titolo "Orange Car Crash” - bicolore (arancione e lilla)
© The Andy Warhol Foundation for the Visual Arts, New York/Licensed by Bildrecht, Wien 2020

Dove l’inadeguato è perfettamente adeguato

Nel 2020 il mumok dedica ad Andy Warhol una trilogia di mostre che presenta la sua opera inquadrandola in un ampio contesto storico-artistico. Si comincia con la rassegna "Misfitting together" che apre un focus sulle formazioni seriali della Pop Art, della Minimal Art e della Conceptual Art. Il titolo della mostra riprende una citazione dello stesso Warhol, in cui egli definisce se stesso e i propri colleghi artisti della “Factory” come dei disadattati che però alla fine stranamente stavano bene insieme.

"I was reflecting that most people thought the Factory was a place where everybody had the same attitudes about everything; the truth was, we were all odds-and-ends misfits, somehow misfitting together" – Andy Warhol

Arte per i maniaci della serialità

Quasi 40 anni dopo la sua ultima grande mostra al mumok (1981) l’opera del grande artista viene di nuovo messa sotto lente, ma non solo nell’ambito circoscritto della Pop Art. La mostra anzi cerca di delineare un quadro differenziato dell’epoca, mettendo in rapporto con le opere di Warhol anche lavori del Minimalismo e dell’arte concettuale. Leggere i nomi degli artisti presenti nella mostra è come consultare una sorta di Who is Who della scena Pop Art: troviamo infatti Claes Oldenburg, Sol Lewitt o Roy Lichtenstein come pure Hanne Darboven, Friederike Pezold o Larry Poons.

Ma il vero protagonista dell’esposizione è il concetto. Si tratta in particolare del concetto di ordine seriale come elemento di collegamento fra le tre correnti artistiche. La serialità, così come l’ha intesa l’artista americano dell’arte concettuale Mel Bochner, non è un gioco formalizzato, ma un metodo ben preciso o meglio ancora una strategia artistica. Tra l’altro l’artista distingue tra opere che seguono un’idea modulare o seriale: le opere modulari si basano sulla ripetizione di un’unità standardizzata che non cambia la sua forma di base e ritrae pertanto un momento temporale (ad esempio Robert Indiana, Love Rising / Black and White Love (For Martin Luther King), 1968), mentre le opere seriali obbediscono a una successione logica e rappresentano quindi un andamento temporale (ad esempio Sol LeWitt, Form Derived from a Cube, 1986). In tutte e tre le correnti si trovano entrambi gli approcci e la mostra li presenta contrapponendoli tra di loro.

La Trilogia di Warhol sarà completata il 25 settembre 2020 con l’apertura delle altre due mostre "ANDY WARHOL EXHIBITS a glittering alternative" e "DEFROSTING THE ICEBOX".

Misfitting together

Formazioni seriali della Pop Art, della Minimal Art e della Conceptual Art

1/7/2020 – 7/2/2021

Avvertenza: si prega di notare che gli orari di apertura delle singole istituzioni, vista la situazione attuale, potrebbero variare. Si consiglia di informarsi prima di visitare i musei.

mumok – Museo di Arte Moderna Fondazione Ludwig Vienna al MuseumsQuartier

Museumsplatz 1 , 1070 Wien
  • Vienna City Card

  • Prezzi

    • Ragazzi sotto i 19 anni   €0,00
  • Orari di apertura

    • Lun, 14:00 - 19:00
    • Mar, 10:00 - 19:00
    • Mer, 10:00 - 19:00
    • Gio, 10:00 - 21:00
    • Ven, 10:00 - 19:00
    • Sab, 10:00 - 19:00
    • Dom, 10:00 - 19:00
  • Accessibilità

    • Ingresso principale
      • senza gradini (Porte a vento   120  cm  largo )
    • Con ascensore
      • 90 cm largo e 140 cm profondo
    • Ulteriori informazioni
      • WC per disabili accessibili senza barriere architettoniche.
    • Note

      Main and side entrance as well as restaurant/café: accessible via elevator.

aggiungi al mio programma di viaggio

 

Teilen, bewerten und Feedback
Valuta l’articolo
Consiglia l’articolo a un amico

I campi contrassegnati con * sono obbligatori.
I dati e gli indirizzi e-mail indicati non saranno memorizzati o riutilizzati.

Da
a
Feedback alla redazione di vienna.info

I campi contrassegnati con * sono obbligatori.

Appellativo *