Dettaglio della sinagoga

La Vienna ebrea

Fino al 1938 a Vienna viveva si trovava una fiorente comunità ebraica, con decine di sinagoghe e case di preghiera. L’antisemitismo allora molto diffuso costituì un terreno fertile che permise la crescita della follia razzista e del terrore nazionalsocialista instauratisi subito dopo l’occupazione dell’Austria da parte della Wehrmacht tedesca nel marzo 1938. Furono confiscati i beni a tutti coloro che possedevano qualcosa: nel corso dei processi di „arianizzazione“ le proprietà degli ebrei passarono allo Stato o a privati che ebbero così l’opportunità di „acquistarli“ sottoprezzo. Personaggi illustri come Sigmund Freud ma anche molte persone semplici come calzolai o casalinghe, 140.000 austriaci in totale, dovettero emigrare per „motivi razziali”. 65.000 altre persone che non ebbero modo di fuggire furono assassinate.

L’elaborazione di questi gravissimi crimini nella storia di Vienna e dell’Austria durò decenni e ancor oggi essa non è stata del tutto portata a termine. A partire dagli anni Ottanta (il Jewish Welcome Service fu fondato nel 1980) Vienna si impegnò intensamente per affrontare la storia con tutti i suoi lati d’ombra ed elaborare l’eredità ebraica.

Visitate il Museo Ebraico (palazzo Eskeles nella Dorotheergasse), il Museo sullo Judenplatz (con i resti sotterranei della sinagoga medievale), il monumento commemorativo della Shoa sullo Judenplatz ed la scultura commemorativa della guerra e del fascismo sull’Albertinaplatz. Nel Cimitero centrale di Vienna una vasta area è riservata alle sepolture della popolazione ebrea del periodo antecedente al 1938 (accesso: 1° portale).

Dopo un lungo lavoro di preparazione, dall'autunno 2012 ci sarà di nuovo a Vienna un Eruv, come già prima del Nazionalsocialismo. L'Eruv comprende la zona interna al Gürtel fino al Danubio. Il confine lungo 25 km definisce un dominio privato, all'interno del quale durante lo Shabbat è abolito il divieto di trasferire oggetti da un dominio privato a un dominio pubblico per gli ebrei osservanti. Per ulteriori informazioni: www.eruv.at

Freud e Schönberg

Sigmund Freud riuscì ad emigrare nel 1939 grazie all’aiuto di Marie Bonaparte. Al suo indirizzo nel 9° distretto di Vienna, Berggasse 19, si trova dagli anni Settanta il museo a lui dedicato.
Il viennese Arnold Schönberg, quando i nazisti nel 1933 giunsero al potere si trovava a Berlino. Da lì il compositore fu espulso nello stesso anno e si trasferì negli Stati Uniti (Schönberg Center).

Opuscolo "Vienna ebraica":

Informazioni più dettagliate sulla Vienna ebraica si possono trovare nell’opuscolo in lingua inglese “Vienna ebraica - eredità e impegno" "Jewish Vienna – Heritage and Mission" (PDF) (scaricabile in formato PDF).

Teilen, bewerten und Feedback
Valuta l’articolo
Consiglia l’articolo a un amico

I campi contrassegnati con * sono obbligatori.
I dati e gli indirizzi e-mail indicati non saranno memorizzati o riutilizzati.

Da
a
Feedback alla redazione di vienna.info

I campi contrassegnati con * sono obbligatori.

Appellativo *
Appellativo