Tu sei qui:

I contenuti di questa pagina sono stati archiviati e potrebbero non essere più attuali.

Florentina Holzinger, Wiener Festwochen 2021
© Appolonia Bitzan

Festival di Vienna

A causa del coronavirus, lo svolgimento del Festival, dopo l’inaugurazione nel mese di maggio, sarà suddiviso in due tappe, all’inizio e alla fine dell’estate. Una sorta di warm-up per far ripartire il teatro e la vita culturale. Il sovrintendente Christopher Slagmuylder ha annunciato 34 produzioni, tra cui una dozzina di prime assolute firmate da artisti di prestigio e da alcune nuove scoperte per Vienna.

Inaugurazione in diretta televisiva

I 70 anni di esistenza del Festival di Vienna saranno celebrati il 14 maggio con un concerto di apertura. Grazie alla trasmissione in diretta televisiva sui canali ORF 2 e 3sat si potranno ascoltare dal salotto di casa Mira Lu Kovacs, Herbert Pixner Projekt, Die Strottern e tanti altri musicisti. La serata sarà coronata dal Corteo nella piazza davanti al Municipio, coreografato da Florentina Holzinger. Soap&Skin: una parata spettacolare di corpi disciplinati e macchine strepitanti.

L’inaugurazione segna anche l’inizio di due mostre: Maria Hassabi presenta Here, un’installazione dal vivo inedita, ideata per il salone principale della Secessione. Presso la Kunsthalle Wien il curatore peruviano Miguel A. López presenta la sua mostra sul tema della distruzione dell’ambiente, intitolata And if I devoted my life to one of its feathers?.

Novità: Mahler e Schönberg

Produzioni innovative e internazionali con il consueto mix eterogeneo fra teatro, danza, musica e performance sono la cifra distintiva del Festival di Vienna. Fra i tanti contributi interessanti del festival c’è anche

Lied von der Erde di Philippe Quesne, uno spettacolo di teatro musicale sui generis, interamente dedicato al paesaggio. L’artista sceglie i Lieder toccanti e profondi di Mahler per mettere in scena il complesso rapporto tra la specie umana e la natura. Suona l’ensemble di caratura mondiale Klangforum Wien.

Arnold Schönberg ha composto nel 1912 il famoso e inimitabile Pierrot lunaire. A distanza di 109 anni, la coreografa Marlene Monteiro Freitas porta in scena adesso la propria personale versione del melodramma.

Festival di Vienna 2021

14 maggio 2021: Concerto di apertura nella piazza davanti al Municipio – diretta televisiva sui canali ORF 2 e 3sat (ore 21:20)
3 giugno - metà luglio 2021
24 agosto - 25 settembre 2021
Programma, informazioni, biglietti: www.festwochen.at

Valuta l’articolo
Valuta l’articolo

Feedback alla redazione di vienna.info

I campi contrassegnati con * sono obbligatori.

Appellativo *

Consiglia l’articolo a un amico

I campi contrassegnati con * sono obbligatori.

I dati e gli indirizzi e-mail indicati non saranno memorizzati o riutilizzati.

Da
A *

Oggetto: Suggerimento da parte di www.vienna.info