Sorgente d’acqua di alta quota alpina

Tu sei qui:

L'acqua di Vienna: Cristallina

Per molti viennesi è la prima cosa da fare quando si torna da una vacanza all’estero: aprire il rubinetto dell'acqua e godersi l'esclusiva acqua viennese. In molti Paesi del mondo l'acqua del rubinetto non è potabile. E anche quando può essere bevuta, si capisce molto rapidamente: non tutta l'acqua è uguale. Il sapore dell'acqua dipende dalla sua origine e dalla sua storia. Il modo in cui l'acqua penetra nella roccia, attraverso quali strati rocciosi scorre: tutto ciò influenza la composizione dei minerali dell'acqua e quindi il suo sapore e aspetto.

© Lisa Edi

Fresca di sorgente direttamente nel bicchiere

Ed è proprio questo che rende l'acqua di Vienna così speciale. “Anche dopo essere stata appena spillata dal rubinetto, l’acqua di alta sorgente viennese si presenta chiaramente limpida e con un meraviglioso riflesso argentato sulla superficie”, dice la sommelier dell'acqua Long Luna Lin-Maurer, descrivendo il suo aspetto. Nata a Shanghai, l’esperta di acqua nonché guida turistica ha vissuto a Vienna per molti anni e parla con entusiasmo del gusto dell'acqua viennese: “La consistenza morbida e vellutata di quest'acqua di sorgente si sente fin dal primo contatto con la punta della lingua. Una nota dolce accompagna l'acqua mentre scorre sulla lingua. Sul finale, si percepisce in gola il carattere leggermente aspro dell'acqua”

Dettaglio di una fontana storica con acqua potabile a Vienna
© Lisa Edi

Visione dal 1873

L'acqua di Vienna ha origine nelle Alpi della Bassa Austria-Stiria. L’area delle sorgenti è più vasta di quella della città di Vienna e si trova sotto tutela ambientale. L'acqua arriva direttamente a Vienna attraverso due condutture di alta sorgente. Il primo acquedotto viennese che attingeva dalle sorgenti di alta montagna entrò in funzione nel 1873, l'anno dell'Esposizione Universale di Vienna e aveva lo scopo di prevenire malattie ed epidemie come il colera tramite la fornitura di acqua fresca. L’acquedotto fa ancora oggi parte del sistema di approvvigionamento idrico di Vienna e dimostra quanto fosse innovativa e lungimirante la pianificazione di allora.

La sostenibilità non era ancora un concetto diffuso nel 1873 e, nonostante tutto, il progetto del primo acquedotto che attingeva acqua dalle sorgenti di alta montagna si riferiva proprio a questo. L'acqua può scorrere fino a Vienna attraverso la sola pendenza senza necessità di una pompa. Oggi la sorgente più lontana si trova a 150 chilometri da Vienna. E nel giro di 24 ore l'acqua fresca e cristallina arriva a Vienna attraverso l’acquedotto che attinge da sorgenti di alta montagna. 220 milioni di litri di acqua di sorgente arrivano ogni giorno attraverso questo acquedotto. Per essere più precisi, nel bacino idrico di Rosenhügel, che è il capolinea della conduttura di acqua sorgiva. Dall'esterno è visibile solo uno storico portale d'ingresso; l'intero deposito, con la sua splendida volta a crociera, è sotterraneo. Qui vengono prelevati campioni d'acqua più volte al giorno e ne viene controllata la qualità.

L’architettura dell’acqua

Nel suo percorso verso Vienna, l'acqua passa attraverso un totale di 30 imponenti acquedotti, tutti tutelati come beni culturali, che formano la prima conduttura viennese di acque sorgive. Anche dal punto di vista architettonico vale la pena di ammirare la torre dell’acquedotto Favoriten, un edificio imponente nello stile dello storicismo industriale. Costruita nel 1898/99, la caratteristica torre serviva per l’approvvigionamento idrico del 10° e 12° distretto, fino alla costruzione dell'edificio della seconda conduttura viennese di acque sorgive. Il secondo acquedotto viennese che attinge da fonti di alta montagna è in funzione dal 1910 come supporto per l'approvvigionamento idrico. Porta a Vienna l'acqua di sorgente dell'Hochschwab stiriano; l'acqua impiega fino a 36 ore per raggiungere la città attraverso questa conduttura un po' più lunga.

Entrambe le condutture di acque sorgive gestiscono un totale di 16 centrali elettriche e generano elettricità sufficiente ad alimentare una piccola città come Wiener Neustadt, con 40.000 abitanti. Ciò che oggi sembra visionario, tuttavia, all'epoca poteva essere attuato solo scontrandosi con forti resistenze. Per molti era difficile interpretare i vantaggi del costoso trasporto dell'acqua dalle Alpi, considerando la vicinanza al Danubio.

Hochstrahlbrunnen: una superficie d’acqua, sul retro pietre ed un raggio d’acqua verticale
© WienTourismus/Lisa Edi

Il 24 ottobre 1873, l'imperatore Francesco Giuseppe inaugurò la prima conduttura di acque sorgive di Vienna - con la messa in funzione della fontana ad alta pressione di Schwarzenbergplatz. La fontana in questa posizione di rilievo è ancora oggi un simbolo della liberazione di Vienna dalle epidemie e dalla carenza d'acqua. Per il geologo Eduard Suess, responsabile della costruzione della prima conduttura di acque sorgive di Vienna, la fontana era il culmine di un’intera opera d'arte. Ogni anno, il 22 marzo, in occasione della Giornata mondiale dell'acqua, la fontana ad alta pressione viene riempita con l’acqua delle fonti di alta montagna provenienti dalle condutture, dopo la pausa invernale. La fontana è nota per le sue fontanelle, ognuna delle quali ha un significato. Le 365 fontanelle a bordo vasca, ad esempio, rappresentano i giorni dell'anno. Nel 1906, la fontana ad alta pressione è stata trasformata in una fontana luminosa che ogni sera risplende in una grande varietà di colori.

150 anni di acqua viennese

Quanto la città di Vienna sia orgogliosa della sua acqua fresca di sorgente è evidente dalle numerose fontanelle presenti in città. Potete bere acqua viennese o riempire le vostre borracce gratuitamente in qualsiasi momento presso oltre 1.300 fontanelle. Entro l'autunno del 2023, verrà costruito un nuovo edificio nel 10° distretto di Vienna. Il distretto ospita anche una fontana celebrativa dei 150 anni dell'acqua viennese, progettata dal collettivo di artisti di fama internazionale Gelatin. La città di Vienna è l'unica al mondo ad aver posto la propria acqua di sorgente sotto tutela costituzionale, in modo da preservare l'acqua viennese così com'è per le generazioni future: “Un'acqua di sorgente estremamente armoniosa e facile da bere, che si accompagna perfettamente a tutto, con una mineralizzazione equilibrata e senza additivi”, afferma la sommelier delle acque Lin-Maurer.

Testo: Susanne Kapeller

Hochstrahlbrunnen

Schwarzenbergplatz
1040 Vienna

Torre dell'acqua di Vienna Favoriten

Windtenstrasse 3
1100 Vienna

Consiglia l’articolo a un amico

I campi contrassegnati con * sono obbligatori.

I dati e gli indirizzi e-mail indicati non saranno memorizzati o riutilizzati.

Da
A *

Oggetto: Suggerimento da parte di www.vienna.info

Valuta l’articolo
Valuta l’articolo

Feedback alla redazione di vienna.info

I campi contrassegnati con * sono obbligatori.

Appellativo *

Non siete ancora sazi?